Più di cinquanta tra insegnanti e animatori di cantieri educativi e esperienze con i bambini (Casa don Puglisi, Arca) hanno partecipato giovedì 30 settembre 2021 all’incontro iniziale del Corso di formazione “Tornino i volti!” presso la Scuola San Benedetto di Modica, promosso dalla Fondazione di comunità Val di Noto e dall’Istituto di istruzione superiore Galilei Campailla di Modica. Si è respirato un clima bello, ricco di calore già nell’incontrarsi e dirsi la fiducia nella cura educativa presentandosi … oltre le mascherine … con quello che ognuno porta nel cuore. E Salvatore Rizzo, assistente sociale e promotore della Libera università dell’educare di Messina, fin dall’inizio ha aiutato collocare ogni parola nel vissuto e il vissuto nel senso che riceve quando insieme ci si confronta avendo a cuore il bene delle nuove generazioni. Proponendo come punto di partenza ogni storia a partire dalle più difficili, come quella di ogni ‘Micol’ che abbandona la scuola: si parte sempre dai nomi quando si ha veramente cura! E al tempo stesso partendo anche dal contesto: la scuola, ma non solo, anche le famiglie, il quartiere, i tessuti relazionali che possono generare povertà educative. Per ridare a ‘Micol’ attenzione e operare metamorfosi che rendano il contesto capace di far fiorire umanità. Dimensione politica questa dell’educare, costruzione di ecosistemi vitali che facciano crescere uomini e cittadini. Con un preciso metodo: interrogarsi sempre! E subito si è creata tra i partecipati un’interazione attorno alle ‘attenzioni’ proposte da Rizzo, che aiutano a mettere in primo piano ciò che serve alla crescita senza rendere la scuola strumento per altro che non sia anzitutto questo fiorire di umanità, troppo spesso dimenticato per logiche solo aziendali e approssimazione educativa. Iniziando dalla gentilezza! Come fa una maestra che all’inizio e alla fine delle sue lezioni saluta i suoi alunni, trasmettendo un’idea di mondo. Quella gentilezza che, dice papa Francesco nella “Fratelli tutti”, è “una liberazione dalla crudeltà che a volte penetra nelle relazioni umane, dall’ansietà che non ci lascia pensare agli altri, dall’urgenza distratta che ignora che anche gli altri hanno diritto ad essere felici … Dal momento che presuppone stima e rispetto [la gentilezza], quando si fa cultura in una società trasforma profondamente lo stile di vita, i rapporti sociali, il modo di dibattere e confrontare le idee. Facilita la ricerca di consensi e apre strade laddove l’esasperazione distrugge ponti”. Man mano ci rendeva conto di ascoltare cose antiche fin dalla fondazione del mondo eppure sempre nuove … Entro questo grembo, sei le attenzioni proposte da Salvatore Rizzo: 1) riconoscere, contro ogni standardizzazione, il valore irriducibile della soggettività; 2) curare il contesto in cui far fiorire la vita e darsi strumenti di lettura dell’ecosistema; 3) rendersi conto che la vera conoscenza non è fare ma riflettere su quello che si fa, ricercare un senso come elemento trasversale di tutte le conoscenze, assumere la ricerca come valore che fa comprendere i mutamenti; 4) fare attenzione ai processi cognitivi che necessitano di imparare a partire dall’esperienza (impariamo se ci poniamo e cerchiamo di risolvere problemi); 5) cogliere l’efficacia delle esperienze estetiche, della poesia, della bellezza (di quella porzione di mondo che è una formula matematica o di un verso di poesia che ti fa scoprire le nervature del mondo); 6) coltivare il desiderio! A cui – dopo il confronto a gruppi e la ‘doverosa pausa’ con i dolci e tanta bella conversazione sintetica – si è aggiunta una settima attenzione: fare attenzione alle attenzioni! Ovvero non lasciarle al caso e avere a cuore l’integralità della proposta educativa, da cui nulla può restare fuori e che passa solo per persone belle, appassionate. Per questo – ha sottolineato il vicepresidente della Fondazione di comunità Val di Noto Maurilio Assenza – “il corso di formazione non produrrà tanto ‘relazioni cartacee’ ma processi vivi e nuovi, capaci di evitare facili e astratte sintesi ma avviando il ‘possibile’ e coltivando speranza”. Si è allora riattivata – dopo cinque corsi di formazione, caratterizzati sempre da una partecipazione viva e da messaggi pieni di calore e passione – una comunità di ricerca perché “tornino i volti”, perché l’educare resti passione e alleanza (in modo particolare tra scuole e cantieri e luoghi educativi). Con un po' di ironia verso le dinamiche del potere che tendono spesso all’addestramento e a logiche di mercato, potendo ognuno fare qualcosa di bello e di buono ‘comunque’ laddove si crea una relazione che fa crescere e potendo, insieme, flettere l’esperienza educativa perché conservi il suo fine vero, quello di far fiorire umanità.      

  

PUBBLICAZIONE AVVISO

PROGETTO PON

Progetto 10.2.2A-FDRPOC-SI-2020-152

"COMPETENZE DIGITALI PER TUTTI"

INIZIO DELLE LEZIONI LUNEDÌ 13 SETTEMBRE 2021

ORE 08.10-11.10 (08.20-11.20 per le classi in ingresso differenziato in base ai cartelli apposti all'ingresso dei vari plessi)

Nei giorni di MARTEDÌ 14 e MERCOLEDÌ 15 saranno effettuate tre ore di lezione, come di seguito segnalato:

-CLASSI PRIME: 3 ore di lezione dalle 8,10 alle 11,10

-CLASSI SECONDE: 2 ore di lezione dalle 9,10 alle 11,10

-CLASSI DEL TRIENNIO: 1 ora di lezione dalle 10,10 alle 11,10.

IMPORTANTE: le classi IIA e IIB dello Scientifico nei primi due giorni di lezione (LUNEDI' e MARTEDI') entreranno alle 9,10 MA USCIRANNO ALLE 10,10 e saranno allocate nell'Aula Magna per permettere il completamento dei lavori di ampliamento delle aule e la pulizia delle stesse. LA CLASSE IV ASA sempre nei due giorni suddetti sarà allocata anch'essa in Aula Magna dalle ore 10,10 all'uscita.

Nei giorni di GIOVEDÌ 16, VENERDÌ 17 e SABATO 18 Settembre saranno effettuate 4 ore di lezione (ore 08.10-12.10/08.20-12.20).

Da LUNEDÌ 20 Settembre a SABATO 25 Settembre saranno effettuate 5 ore di lezione (08.10-13.10/08.20-13.20).

 

Da LUNEDÌ 27 SETTEMBRE ORARIO COMPLETO (fino alla sesta ora, ove prevista) PER TUTTI GLI INDIRIZZI

 

L'ELENCO DELLE CLASSI PRIME SI TROVA AFFISSO ALL'INGRESSO DELLA SCUOLA.

 

IMPORTANTE:

A PARTIRE DA GIORNO 11 SETTEMBRE 2021TUTTI GLI UTENTI ESTERNI ALLA SCUOLA, COMPRESI I GENITORI, PER ACCEDERE AI LOCALI SCOLASTICI DOVRANNO ESIBIRE IL GREENPASS OBBLIGATORIAMENTE.

 

 

LEGGI L'ARTICOLO ALLEGATO IN CUI SI PARLA DELLA NOSTRA SCUOLA.

Allegati:
Scarica questo file (Articolo SCUOLA E FORMAZIONE.pdf)Articolo SCUOLA E FORMAZIONE.pdf[ ]128 kB

Si allega il programma del corso.